Wine News19 maggio 2020

Decreto Rilancio, il bonus turismo potrebbe interessare anche il settore dell'enoturismo

Continua l'attesa per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Rilancio, dove rientrerà, salvo sorprese, anche il bonus per il turismo, misura pensata dal Governo per ridare ossigeno al settore ricettivo. Il bonus potrebbe interessare anche il settore enoturistico, sottolinea l'avvocato Marco Giuri dello Studio Giuri di Firenze, e dare così un aiuto concreto a quelle aziende produttrici di vino che hanno una fetta importante del proprio business legata all'accoglienza e alle visite in cantina. Dalla bozza del decreto emerge che lo sconto sarà rimborsato al fornitore del servizio sotto forma di credito d'imposta cedibile a terzi (anche istituti di credito), utilizzabile in compensazione senza alcun limite. Potrà beneficiare del credito, dall'1 luglio al 31 dicembre 2020, un solo componente per nucleo familiare (con Isee non superiore a 40.000 euro) e il suo valore e? pari a 500 euro per ogni nucleo familiare composto da piu? di due persone; 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e 150 euro per quelli composti da una sola persona. Chi lavora nell'enoturismo attende con impazienza aiuti per la ripartenza che potrebbe essere agevolata da pacchetti ad hoc su misura per il cliente: il comparto, oltre ad avere un impatto non trascurabile sull'economia italiana, è stato al momento tra i più penalizzati visto che vive quasi esclusivamente con gli arrivi che sono stati bloccati dall'emergenza. Non potendo contare sulle entrate del delivery e della clientela locale il settore è rimasto fermo. E adesso non ha più tempo da perdere.