Home |
Categorie:
Scegli categoria

22 settembre 2020

Addio a Diego Planeta, il Signore del vino in Sicilia

In vista delle celebrazioni per la 50ª edizione di Vinitaly, Diego Planeta, viticoltore appassionato, patriarca del vino siciliano e pioniere del processo di crescita della viticoltura regionale, aveva indicato, nel corso di un’intervista, l’edizione 1996 della rassegna internazionale del vino come l’edizione più entusiasmante. E ne aveva fatte, su 50, ben 48. Ma la 1996 era per lui davvero speciale.
In quell’anno, accompagnato a Verona dalla figlia Francesca e dal nipote Alessio (oggi in azienda lavora anche un altro nipote, Santi), presentò infatti i primi vini del brand Planeta, un progetto a cui lavorava dal 1985. I vini di Diego Planeta riscossero un successo immediato sia sul piano commerciale che di critica enologica, tanto che – ricordava il viticoltore siciliano parlando proprio con Vinitaly – si creò una lunga fila per assaggiare i nostri vini.
La scomparsa di Diego Planeta addolora il mondo del vino e i vertici di Veronafiere e di Vinitaly, che lo ricordano come un imprenditore illuminato, un lavoratore instancabile, con una grande visione a beneficio di una terra generosa e di un vino che ha saputo rappresentare la biodiversità del vigneto siciliano.
La figura di Diego Planeta è stata determinante per il progetto di Cantine Settesoli, fondata nel 1958 dal padre Vito con 88 piccoli produttori e 260 ettari di cui lo stesso produttore siciliano è stato presidente dal 1972 al 2011, contribuendo in prima persona a proiettare la cooperativa ai vertici del panorama enoico nazionale. Oggi gli ettari sono oltre seimila.
Per sette anni, dal 1985 al 1992, Planeta è stato presidente dell’Istituto regionale della vite e del vino e dal 1987 ha fatto parte dell’Accademia italiana della vite e del vino. Nel 2004, recita un ricco curriculum vitae, è stato nominato dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, Cavaliere del Lavoro e, nello stesso anno, ha ricevuto la laurea ad honorem in Scienze e Tecnologie Agrarie dall’Università di Palermo. Dal 2008 al 2011 ha guidato Assovini Sicilia.
L’azienda Planeta oggi si estende per circa 400 ettari, con tenute situate in diverse zone della Sicilia.